Coronavirus, due medici cinesi contagiati si risvegliano con la pelle scura

Coronavirus, due medici cinesi contagiati si risvegliano con la pelle scura

Due medici cinesi diventano neri dopo le cure per il Coronavirus. Bufala o verità?

Secondo la notizia, apparsa su tutti i quotidiani e i siti italiani, Yi Fan e Hu Weifeng, entrambi di 42 anni, si sono risvegliati dal coma con la pelle scura.

In pratica da bianchi sono diventati neri: i due avevano contratto il virus il 18 gennaio scorso al Wuhan Central Hospital ed erano sottoposti, a causa delle gravi condizioni, all’ossigenazione extra-corporea attraverso un’apparecchiatura che supplisce alle funzioni di cuore e polmoni presi di mira dal Covid-19.

Ma perché sarebbero diventati neri?

Sulla base di alcuni studi potrebbero essere l’effetto delle terapie che, oltre all’uso dell’ossigeno, includono antivirali (alfa-interferon, lopinavir-ritonavir, ribavirina, umifenovir), l’antimalarico clorochina sperimentato soprattutto in Francia, antibiotici ed anticoagulanti, e corticosteroidi e tocilizumab.

Un mix di farmaci che potrebbe aver causato il fenomeno anche se il maggiore indiziato è la clorochina.

Tra gli effetti collaterali, infatti, ci sarebbe proprio l’alterazione della pigmentazione della pelle.

Ovviamente non ci sono ancora certezze e dunque si ipotizzano anche possibili squilibri ormonali dovuti a danni al fegato o a una medicina non menzionata ma che potrebbe essere stata somministrata durante il trattamento.

Secondo gli esperti la colorazione scura della pelle dovrebbe essere momentanea e starebbe schiarendo in coincidenza con il miglioramento delle funzioni epatiche.

A sottolineare questo aspetto è stato Yi Fan: il medico ha dichiarato alle telecamere dell’emittente Beijing Tv di stare recuperando e anche la pelle sembra meno scura rispetto alle settimane precedenti.

L’altro paziente, Hu Weifeng, è invece ancora in terapia intensiva ed è presto per poter notare miglioramenti.

Alla fine, comunque, resta il dubbio iniziale: si tratta di uno strano risultato dovuto all’utilizzo di farmaci sperimentali oppure si tratta di una vera e propria fake news?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *